Bandiere Blu del Cilento 2022

Le Bandiere Blu del Cilento 2022

Quali sono le Bandiere Blu del Cilento del 2022?

Anche quest’anno il nostro territorio ha fatto incetta di riconoscimenti sovrastando nettamente le altre zone della regione.

Se la Campania ha visto premiate 18 località balneari, ben 12 di queste si trovano nel Cilento.

Un ulteriore testimonianza della bontà delle acque dei nostri mari, dei servizi offerti, delle politiche attivate da numerose località.

Bandiere Blu FEE del Cilento 2022

Scopriamo insieme le Bandiere Blu del Cilento 2022:

  • Agropoli – Spiaggia Libera Porto, Lungomare San Marco, Torre San Marco, Trentova, Licina;
  • Ascea – Piana di Velia, Torre del Telegrafo, Marina di Ascea;
  • Capaccio – Licinella, Varolato/La Laura/Casina D’Amato, Torre di Paestum/Foce Acqua dei Ranci;
  • Camerota – Cala Finocchiara (conosciuta come Spiaggia del Troncone), San Domenico;
  • Casal Velino – Dominella/Torre, Lungomare/Isola;
  • Castellabate – Lago Tresino, Marina Piccola, Pozzillo/San Marco, Punta Inferno, Baia Ogliastro;
  • Centola – Palinuro (Porto/Dune e Saline), Marinella;
  • Ispani – Capitello;
  • Montecorice – Baia Arena, Spiaggia Capitello, Spiaggia Agnone, San Nicola;
  • Pisciotta – Ficaiola/Torraca/Gabella, Pietracciaio/Fosso della Marina/Marina Acquabianca;
  • Pollica – Acciaroli, Pioppi;
  • Vibonati – Santa Maria Le Piane, Torre Villammare, Oliveto.

Bandiere Blu del Cilento 2022, dove andare in vacanza

Un traguardo prestigioso, che quest’anno vede l’ingresso del comune di Ispani con la spiaggia di Capitello.

Anche se c’è da segnalare l’uscita, per motivi burocratici, del comune di San Mauro Cilento oltre che di Sapri.

Ma come si ottiene una Bandiera Blu?

Il regolamento FEE afferma che “una spiaggia può ottenere la Bandiera Blu se è ufficialmente designata come area di balneazione a livello nazionale (o internazionale) con almeno un punto di campionamento per le analisi delle acque di balneazione. Il nome e i confini della spiaggia seguono quelli ufficiali nazionali. La spiaggia deve avere i servizi necessari e gli standard in conformità ai criteri Bandiera Blu e rispondere a tutti i requisiti indicati con la lettera I (imperativi) e possibilmente al maggior numero dei requisiti indicati con la lettera G (guida). In ogni località Bandiera Blu, dovrà essere individuato un referente, per trattare le questioni concernenti il Programma. La spiaggia deve essere accessibile per un’ispezione non annunciata da parte della FEE.”

In totale è richiesto il rispetto di 33 requisiti che afferiscono agli ambiti:

  • Educazione ambientale e informazione;
  • Qualità delle acque;
  • Gestione ambientale;
  • Servizi e Sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.